Dott. Giuseppe Marino - specialista in ricorsi tributari - www.studiomarino.com     Copyright©Riproduzione riservata

  081/5706339         081/0060351           Consulenza Gratuita    (solo per e-mail o via fax)    3358378028                                

Orari d'ufficio 9.30-12.30 e 15.30 - 18.30     La consulenza gratuita e' ammessa via e-mail o via fax ,viene fornita a campione non e' garantita la risposta a tutti.

             

EFFETTUIAMO RICORSI IN TUTTA ITALIA - VISITA IL NUOVO SITO WWW.DIFESATRIBUTARIA.IT  RICCO DI SENTENZE AGGIORNATE FAVOREVOLI AL CONTRIBUENTE

MODELLI INTRASTAT
Ultimo aggiornamento 30/11/2014
SPECIALISTA I RICORSI AVVERSO AVVISID DI ACCERTAMENTO, CARTELLE, INTIMAZIONI, IPOECHE E FERMI AMMINISTRATIVI

Per un parere via fax compilare il modulo e allegare copia dell'accertamento  e inviarlo allo 081/0060351

Cartelle Esattoriali Fermo amministrat. Ipoteca Esattoria Vizi atti tributari Atti Impugnabili

EFFETTUIAMO RICORSI IN TUTTA ITALIA

 

Periodicità di presentazione dei modelli intrastat  mensile o trimestrale, limite 50.000 euro, scadenza entro il 25 del mese successivo al periodo di riferimento

Cosa sono i modelli intrastat? quando si presentano? come funziona il sistema intrastat?

A decorrere dal 1° gennaio 2003 i soggetti che effettuano scambi  con  i  Paesi dell'Unione europea sono obbligati  alla  compilazione  degli  elenchi riepilogativi degli acquisti e delle cessioni intracomunitarie di beni poste in essere. I modelli Intra sono gli elenchi dei fornitori o dei clienti con relativi importi, dei soggetti iva comunitari (inseriti nell'archivio vies)  con i quali abbiamo avuto a che fare. I modelli dal 01/01/2010 vanno  presentati esclusivamente per via  telematica  riferiti a periodi decorrenti dal 2010, per cui l'obbligo scatta dal modello intra del mese di Gennaio 2010.

Non sono punibili i ritardi nella trasmissione dei modelli intrastat relativi a gennaio 2010 purche' presentati entro il 04/05/2010 circolare agenzia delle entrate del 18/03/2010 n. 14

 

La data di scadenza per la presentazione degli elenchi mensili e trimestrali è stata fissata al/span> 25 del mese successivo al periodo di riferimento per i mensili ed entro il 25 del mese successivo al trimestre per i trimestrali. Se la scadenza del termine cade in giorno festivo la presentazione è prorogata al primo giorno lavorativo successivo. Il sabato non è considerato giorno lavorativo.

Ciascun elenco riepilogativo è presentato con riferimento a: periodi trimestrali, dai contribuenti che hanno effettuato operazioni, nei 4 trimestri precedenti e per ciascuna categoria di operazioni, per un ammontare totale trimestrale non superiore a 50mila euro periodi mensili, dai contribuenti che hanno effettuato operazioni, nel trimestre di riferimento e/o in uno dei 4 trimestri precedenti, per un ammontare superiore a 50mila euro. Chi ha iniziato l’attività da meno di 4 trimestri presenta gli elenchi trimestralmente, sempre che, nei trimestri già trascorsi, si trovi nella condizione indicata alla lettera a). Chi è tenuto alla presentazione trimestrale di un elenco può scegliere di adottare la periodicità mensile per l’intero anno solare. I contribuenti che presentano un elenco riepilogativo trimestralmente e che nel corso di un trimestre superano la soglia dei 50mila euro, devono passare alla periodicità mensile a partire dal mese successivo a quello in cui il limite viene superato. In questo caso, per i periodi mensili già trascorsi, vanno presentati gli elenchi riepilogativi opportunamente contrassegnati.

 

Per essere definiti  intracomunitari  gli  scambi devono rispettare b>tre requisiti:

      - lo scambio deve riguardare una cessione di beni o una prestazione di servizi come individuata dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633 (requisito oggettivo);

      - i beni devono essere spediti o trasportati da  uno  Stato  all'altro della Comunità europea (requisito territoriale);

      - le operazioni devono essere realizzate  nell'esercizio  di  imprese, arti o professioni (requisito soggettivo).

 

I modelli devono essere presentati con due modalità:

Modello Intra 1 (dati generali) intra 1 bis ( dati relativi alle vendite)

Modello intra 2 (dati generali) intra 2 bis ( dati relativi agli acquisti)

Le indicazioni per la compilazione sono contenute nel  D.M.  21  ottobre 1992, modificato dal D.M. 15 aprile 2004.

 

La partita iva nella fatturazione tra i paesi membri viene preceduta da un codice iso (paese di appartenenza) per cui ad esempio la partita iva italiana 01115550632 diventa comunitaria aggiungendo  il codice iso dell’italia nella fattispecie IT 01115550632.

 

I paesi membri della comunità europea sono i seguenti: clicca qui per gli aggiornamenti

Codice Iso

Paese membro della Cee

Note

AT

Austria

 

BE

Belgio

 

CY

Cirpo

 

DK

Danimarca

 

EE

Estonia

 

DE

Germania

 

EL

Grecia

 

FI

Finlandia

 

FR

Francia

 

GB

Gran Bretagna

 

IE

Irlanda

 

IT

Italia

 

LV

Lettonia

 

LT

Lituania

 

LU

Lussemburgo

 

MT

Malta

 

NL

Olanda

 

PL

Polonia

 

PT

Portogallo

 

CZ

Rep.Ceca

 

SK

Rep.Slovacca

 

SI

Slovenia

 

ES

Spagna

 

SE

Svezia

 

HU

Ungheria

 

RO

Romania

Dal 2007

BG

Bulgaria

Dal 2007

 

 

 

 

SCARICA LA GUIDA DELL'AGENZIA DELLE DOGANE/a>

VERIFICA QUALI PAESI FANNO PARTE DELLA COMUNITA' EUROPEA

CONSULTA L'ARCHIVIO VIES

 

Copyright©Riproduzione riservata