Il nuovo Onere della prova nel processo tributario, aspetti pratici

Il nuovo Onere della prova nel processo tributario, aspetti pratici Sintesi del convegno del 29/11/2023, ANC Sala Conferenze ODCEC di Napoli – Centro direzionale Is. E1 Prima della riforma della legge 130/2022 il quadro normativo e giurisprudenziale era il seguente: Art. 2697 cc, chi vanta un diritto lo deve provare…

Continua a leggere

La rottamazione o la definizione delle liti pendenti esigono la compensazione delle spese

L’adesione alla rottamazione o alla definizione agevolata delle liti pendenti equivale a una conciliazione, un accordo delle parti che esige la compensazione delle spese. Il comma 198 dell’art. 1 – L. n. 197/2022 stabilisce che:  «Le spese del processo restano a carico della parte che le ha anticipate». Con la…

Continua a leggere

Quando l’impugnazione sana la nullità della notifica

Quando l’impugnazione sana la nullità della notifica ex art. 156 del cpc La nullità delle notifiche tramite operatori privati La sanatoria di un atto notificato da un operatore non autorizzato si verifica con l’impugnazione, ma non opera al fine della tempestività della notifica e non opera se nel frattempo l’atto…

Continua a leggere

L’agenzia delle entrate non può impugnare la sentenza nella quale non è parte e non sussiste litisconsorzio necessario

L’agenzia delle entrate non può impugnare una sentenza nella quale non era parte nel processo, pur in presenza dell’agenzia della riscossione e non sussiste litisconsorzio necessario. Riferimenti normativi: Art. 39 Dlgs 112/99, art. 106 cpc Riferimenti giurisprudenziali: Cass. Civile Ord. Sez. 5 Num. 28131/2023, Cass. SSUU 16412/2007 E’ principio giurisprudenziale…

Continua a leggere

La Comunicazione unica camerale sostituisce tutte le comunicazioni previdenziali e fiscali

La Comunicazione unica camerale inviata in camera di commercio, sostituisce tutte le comunicazioni previdenziali e fiscali, quindi non è necessario comunicare agli entro fiscali e previdenziali le variazioni annotate sul ceetificato camerale Riferimento normativo Legge n.40/2007 con decorrenza aprile 2010 Nonostante l’entrata in vigore nel lontano 2010 della comunicazione unica…

Continua a leggere

Le ricevute valide della notifica via pec sono il file eml e msg, non sono valide le stampe in pdf

Le ricevute valide della notifica via pec sono il file eml e msg, la stampa in pdf della ricevuta di consegna costituisce una copia analogica La prova che l’atto sia stato effettivamente consegnato nella sua interezza viene data soltanto depositando le ricevute in formato “.eml” o “.msg” ed il file…

Continua a leggere

Processo tributario, i documenti prodotti tardivamente in primo grado vanno ridepositati in appello

I documenti tardivamente prodotti in primo grado, sono considerati inammissibili anche in appello, salvo non vengano riprodotti  nei termini di 20 giorni prima dell’udienza di appello. Riferimenti normativi:  artt. 7, 32 e 58, d.lgs. 31 dicembre 1992, n. 546, artt. 115, cod. proc. civ., 2700 e 2702, cod. civ., Riferimenti…

Continua a leggere

Invito dell’agenzia delle entrate, costa caro non consegnare i documenti, a pena di inutilizzabilità dei documenti in giudizio

Invito dell’agenzia delle entrate, costa caro non consegnare i documenti, a pena di inutilizzabilità dei documenti in giudizio. Non rispondere agli inviti dell’ufficio (non della Gdf) può costare caro, l’omesso invio dei documenti richiesti comporta l’inutilizzabilità dei documenti in giudizio. Tale norma irragionevole, sproporzionata e assurda, limita i diritto alla…

Continua a leggere

Notifiche processuali, termine, omissioni e tardività conseguenze

Notifiche processuali, termine, omissioni e tardività conseguenze La notifica di un atto processuale, ma anche dei ricorsi tributari ai quali si applicano le norme del cpc, il cui termine perentorio o ordinatorio scada di sabato, viene prorogato al lunedì successivo. Il termine per notificare il ricorso e il decreto di…

Continua a leggere

Motivazione contraddittoria accertamento fiscale nullo

La carenza o la contraddittorietà della motivazione comporta la nullità dell’atto tributario L’accertamento e in generale tutti gli atti tributari devono contenere una motivazione razionale, non contraddittoria e permettere di comprendere in pieno il ragionamento logico giuridico alla base della pretesa. Quando la motivazione è contraddittoria, non può essere giustificata…

Continua a leggere