Processo tributario prove in appello non più consentite

Novità sulle Nuove prove in appello nel processo tributario, le prove delle notifiche non possono più essere prodotte in appello   Fonti normativi: Art.58 del Dlgs 546/1992 come modificato dal Dlgs 220 del 30/12/2023 in vigore dal 04/01/2024 Le novità apportate all’art. 58 del Dlgs 546/92 dal Dlgs 220/2023 si…

Continua a leggere

Crediti non spettanti e crediti inesistenti, la Cassazione delimita i confini

Crediti non spettanti e crediti inesistenti, la Cassazione delimita i confini Riferimenti normativi: articoli 36-bis e 36-ter del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600, e all’articolo 54-bis del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633 – art. 27, comma 16, del d.l. n….

Continua a leggere

Nullità degli atti fiscali emessi dall’agenzia delle entrate incompetente

Nullità dell’atto impositivo per incompetenza territoriale della Direzione Provinciale o dell’agenzia entrate riscossione. E’ nulla la cartella emessa e notificata da un concessionario non competente territorialmente, gli artt. 12, comma 1, e 24, comma 1, del d.P.R. n. 602 del 1973, delimitano la competenza per territorio del concessionario con riguardo,…

Continua a leggere

Memorie difensive non valutate, accertamento notificato prima dei 60 giorni, nullità

Omesso esame delle memorie difensive, notifica dell’accertamento prima dei 60 giorni senza motivata urgenza, nullità dell’accertamento Riferimenti normativi: art. 12 comma 7 L.212/2000, Art. 7 comma 1 della L.212/2000, Art. 24 e 113 della C. , Art.42 D.P.R. n.600/73, Art.56, co.3 D.P.R. n.633/72,  Art. 21 septies e art. 3 della…

Continua a leggere

Il nuovo Onere della prova nel processo tributario, aspetti pratici

Il nuovo Onere della prova nel processo tributario, aspetti pratici Sintesi del convegno del 29/11/2023, ANC Sala Conferenze ODCEC di Napoli – Centro direzionale Is. E1 Prima della riforma della legge 130/2022 il quadro normativo e giurisprudenziale era il seguente: Art. 2697 cc, chi vanta un diritto lo deve provare…

Continua a leggere

Quando l’impugnazione sana la nullità della notifica

Quando l’impugnazione sana la nullità della notifica ex art. 156 del cpc La nullità delle notifiche tramite operatori privati La sanatoria di un atto notificato da un operatore non autorizzato si verifica con l’impugnazione, ma non opera al fine della tempestività della notifica e non opera se nel frattempo l’atto…

Continua a leggere

L’agenzia delle entrate non può impugnare la sentenza nella quale non è parte e non sussiste litisconsorzio necessario

L’agenzia delle entrate non può impugnare una sentenza nella quale non era parte nel processo, pur in presenza dell’agenzia della riscossione e non sussiste litisconsorzio necessario. Riferimenti normativi: Art. 39 Dlgs 112/99, art. 106 cpc Riferimenti giurisprudenziali: Cass. Civile Ord. Sez. 5 Num. 28131/2023, Cass. SSUU 16412/2007 E’ principio giurisprudenziale…

Continua a leggere

Processo tributario, i documenti prodotti tardivamente in primo grado vanno ridepositati in appello

I documenti tardivamente prodotti in primo grado, sono considerati inammissibili anche in appello, salvo non vengano riprodotti  nei termini di 20 giorni prima dell’udienza di appello. Riferimenti normativi:  artt. 7, 32 e 58, d.lgs. 31 dicembre 1992, n. 546, artt. 115, cod. proc. civ., 2700 e 2702, cod. civ., Riferimenti…

Continua a leggere

Invito dell’agenzia delle entrate, costa caro non consegnare i documenti, a pena di inutilizzabilità dei documenti in giudizio

Invito dell’agenzia delle entrate, costa caro non consegnare i documenti, a pena di inutilizzabilità dei documenti in giudizio. Non rispondere agli inviti dell’ufficio (non della Gdf) può costare caro, l’omesso invio dei documenti richiesti comporta l’inutilizzabilità dei documenti in giudizio. Tale norma irragionevole, sproporzionata e assurda, limita i diritto alla…

Continua a leggere

Accertamenti immobiliari basati esclusivamente su valori OMI sono illegittimi

L’accertamento immobiliare basato sui valori di mercato non è più legittimo a seguito della Sentenza della Giustizia Cee, per cui l’accertamento di valore non costituisce più presunzione legale, ma presunzione semplice e l’onere della prova è a carico dell’Amministrazione Finanziaria e non più a carico del contribuente, sono nulli gli…

Continua a leggere