• Processo tributaria valida la notifica in mani propria anzichè al procuratore costituito dell’ufficio
    Valida la notifica a mani proprie degli atti processuali effettuata direttamente all’ente e non al  procuratore costituito o all’indirizzo dell’ufficio preposto al contenzioso. Contrariamente al rito civile, nel processo tributaria vige una norma speciale che consente le notifiche degli atti processuali direttamente all’ente impositore o all’indirizzo principale anziché all’ufficio contenzioso  o all’avvocato costituito. Pertanto al notifica della sentenza o di un appello direttamente all’ente impositore o al concessionario devono essere considerati. Sinceramente il conflitto…

    Continua a leggere

  • Notifica tributaria a mezzo posta, raccomandata informativa, ricerche effettuate, notifica al portiere, a familiare convivente.
    Tutto quello che c’è da sapere sulla corretta notificazione a mezzo posta degli atti tributari. Riferimenti normativi: Art.7 L. 890/82, art. 157 cpc La notifica a mezzo posta degli atti tributari deve essere effettuata secondo uno schema legale, ossia il notificatore deve prima cercare il destinatario, tentare di notificare l’atto a un familiare convivente, se non c’è nessuno notificarlo al portiere. Le ricerche devono risultare dalla relata di notifica e non come fanno sempre…

    Continua a leggere

  • Si può rinunciare all’eredità anche se si è presentata la denuncia di successione e senza pagarne le imposte
    La mancata impugnazione dell’erede che rinuncia all’eredità non legittima la pretesa La rinuncia all’eredità  ha effetto retroattivo e la dichiarazione di successione  non costituisce accettazione, la qualità di erede, non può desumersi dalla mera chiamata all’eredità, non essendo prevista alcuna presunzione in tal senso, ma consegue solo all’accettazione dell’eredità, espressa o tacita. Riferimenti mormativi: art. 521 cc, art. 485 c. c. , art. 476 cc, art. 2697 cc, art. 7 del d.lgs. n. 346…

    Continua a leggere

  • Cartella su imposta di registro per registrazione sentenza, nullità e illegittimità
    La cartella emessa a seguito di una sentenza per l’imposta di registrazione della stessa è nulla se non preceduta da avviso di liquidazione, che va notificato entro 5 anni e se la cartella non indica il numero della sentenza e l’autorità giudiziaria emittente. In ogni caso l’imposta si prescrive trascorsi 10 anni dalla definitività della pretesa. Riferimenti normativi: Art.54, 76 e 78  Dpr 131/86, art. 7 della L. 212/2000 L’art.54 del Dpr 131/86 (Testo…

    Continua a leggere

  • Il Fermo amministrativo, nullità e illegittimità
    Il fermo amministrativo (ganasce fiscali), trova fondamento giuridico nell’art.  86 del Dpr 602/73, come modificato dal D.Lgs. n.193 del 27 aprile 2001, in vigore dall’08/06/01. E’ nullo senza preavviso, non può essere emesso per importi irrisori e sproporzionati rispetto al valore dell’autoveicolo, non può applicarsi ai beni strumentali (se intestati a Professionisti o imprenditori), non può essere applicato a i mezzi cointestati, se l’importo non è corretto invalida l’intero fermo amministrativo, il concessionario della riscossione…

    Continua a leggere

  • Definizione agevolata delle liti tributarie in Cassazione alla data del 15/07/2022 spostata al 16/09/2022
    La definizione agevolata delle liti tributarie   in Cassazione 5% fino a 100.000 se ha perso l’ufficio in CTP e CTR,  o 20% fino a 50.000,00 negli altri casi di soccombenza parziale dell’ufficio. Riferimenti normativi: art. 5 L. 31 agosto 2022, n. 130 ,  articolo 16, comma 3, della legge 27 dicembre 2002, n. 289 È possibile accedere al condono se il valore al netto di sanzioni ed interessi non supera 100.000 euro e l’agenzia…

    Continua a leggere

  • L’onere della prova dopo la modifica della riforma della giustizia tributaria dal 16/09/2022
    Riforma della giustizia tributaria: Onere della prova sempre a carico del fisco. Riferimenti normativi: art. 7 comma 5 bis del Dlgs  546/92, aggiunto dall’art. 6 della L. 31 agosto 2022, n. 130  pubblicata sulla GU n.204 pubblicata il 01/09/2022 entrata in vigore 16/09/2022, art. 2697 cc Riferimenti giurisprudenziali: Corte Costituzionale 109/2007 Che spettasse al fisco l’onere della prova della pretesa vantata ormai era scontato, lo stabili la Corte Costituzionale con la sentenza 109/2007 in…

    Continua a leggere

  • Rateizzo incompleto dell’avviso bonario, Illegittima l’applicazione della sanzione sull’intero importo
    Rateizzo incompleto dell’avviso bonario, Illegittima l’applicazione della sanzione sull’intero importo, la sanzione è sul residuo In virtù del favor rei, il principio vale anche su liti pre riforma 159/2015 Si calcola sull’importo ancora da versare e non sull’intera imposta liquidata Riferimenti normativi: Art. 54 bis del Dpr 633/1972 e 36-bis del Dpr 600/1973, articolo 15-ter, comma 5, Dpr 602/1973, articolo 13 del Dlgs 471/1997 Riferimenti giurisprudenziali: ommissione Tributaria regionale di Torino   sentenza n. 366/2/2022 …

    Continua a leggere

  • Notifica a mezzo pec tramite indirizzi non rientranti nei registri ufficiali, la debole difesa del fisco
    L’agenzia entrate riscossione, per difendersi dall’uso di indirizzi pec non rientranti nei registri ufficiali sostiene in primo luogo, che l’impugnazione sana la nullità, in secondo luogo che l’obbligo riguarda soltanto la pec del destinatario, ma non del mittente, in terzo luogo che l’obbligo riguarda gli atti processuali e non quelli amministrativi. Tali tesi difensive non hanno alcun riscontro giuridico, anche se alcune commissioni pro fisco, gli danno ragione. La prima eccezione difensiva è particolarmente…

    Continua a leggere

I commenti sono chiusi.