• La compensazione senza visto di conformità è valida e non sanzionabile
    La compensazione senza visto di conformità non è sanzionabile se il credito è esistente e costituisce violazione puramente formale Non può essere sanzionato e non costituisce omesso versamento, la compensazione di un credito oltre soglia per il quale era richiesto il visto di conformità e non era stato apposto, purché il credito sia esistente. Tale omissione costituisce violazione puramente formale. Quando s’intende violazione puramente formale? La Cassazione ha stabilito che si ha violazione puramente…

    Continua a leggere

  • Indirizzo pec del mittente invalido se non rientra nei registri ufficiali
    Indirizzo pec del mittente invalido se non rientra nei registri ufficiali, i numerosi comunicati stampa dell’agenzia mettono in guardia dal ritenere validi indirizzi non istituzionali. Smontata la tesi dell’agenzia delle entrate riscossione in virtù della quale la notifica delle cartelle sarebbe valida anche da indirizzo pec non istituzionale  in quanto l’obbligo di utilizzare indirizzi pec istituzionali sarebbe obbligatorio soltanto per i destinatari. La  Cassazione con la sentenza 32891/2022 depositata il 08/11/2022 ha espresso un…

    Continua a leggere

  • Il secondo giudicato prevale sul primo, il ne bis in idem va eccepito
    Quando ci sono due giudicati, per comprendere quale sia quello prevalente, bisogna adottare il criterio temporale, la sentenza depositata per ultima prevale su quella precedente. Riferimenti normativi: art. 2909 cc, art. 324 cpc Riferimenti giurisprudenziali: Cassazione Civile SS.UU  Ord. 28802/2022 depositata il 04/10/2022, Cassazione Civile se.5 Tributaria n.28831/2022 depositata il 04/10/2022, Cass. 2082/1998, Cass. 10623/2009, Cass. 13804/2018. In materia tributaria è molto frequente che i difensori costretti ad impugnare vari atti per la stessa…

    Continua a leggere

  • Sede competente della Corte di giustizia tributaria  per il Ricorso avverso il concessionario della riscossione degli enti locali.
    La sede per individuare la competenza della Corte di giustizia tributaria (Ex Commissione Tributaria) è quella dell’ente locale e non del concessionario, ma attenzione vale solo per gli enti locali. Riferimenti normativi: Art. 4, comma 1, del D.lgs. 31 dicembre 1992, n. 546, Art. 32, comma 2, del decreto legislativo 1° settembre 2011, n. 150 Riferimenti giurisprudenziali: Corte Costituzionale, sentenza n. 44 del 3/3/2016, Corte Costituzionale, sentenza n. 158 del 25/06/2019 Gli enti locali…

    Continua a leggere

  • Imu dovuta per i coniugi con residenze diverse illegittima, come farsi rimborsare
    Come farsi rimborsare l’IMU a seguito della sentenza della Corte Costituzionale Riferimenti normativi: art. 38 DPR 602/73, art. 21 Dlgs 546/92, art. 13 D.L.201/2011 Riferimenti giurisprudenziali: Corte Costituzionale n. 209/2022 , Corte di Cassazione, con ordinanza n. 11602 del 6 giugno 2016 e sentenza n. 13676 del 16giugno 2014, Corte di Cass. sentenza n. 30083 del 26/10/2021 A seguito della Sentenza della Corte Costituzionale n. 209/2022 depositata il 13/10/2022, basata sulla sensibilità  di evitare…

    Continua a leggere

  • Esenzione imu a un solo coniuge incostituzionale, si apre la via del rimborso e del contenzioso
    La limitazione dell’esenzione dal pagamento Imu sulla prima casa circoscritta  soltanto ad un coniuge in caso di residenza diversa, è stata ritenuta incostituzionale dalla Corte Costituzionale con sentenza n. 209/2022 depositata il 13/10/2022. Riferimenti normativi: l’articolo 13, comma 2, quarto periodo, del decreto-legge201/2011, Articolo 13 comma 2 quinto periodo del Dl 201/2011 Riferimenti giurisprudenziali: Corte Costituzionale sentenza 209/2022 depositata il 13/10/2022 Come tutti ricorderete, gli sceriffi delle tasse hanno sempre cercato di sostenere che…

    Continua a leggere

  • La sentenza favorevole alla società sia essa di capitali o di persone  si estende anche ai soci
    La sentenza favorevole alla società sia essa di capitali o di persone  si estende anche ai soci, anche se non hanno impugnato. Soltanto la validità dell’ accertamento del maggior reddito conseguito dalla società di persone costituisce effettivamente un presupposto imprescindibile della presunzione di distribuzione di tale maggior reddito ai soci, quindi se  l’accertamento effettuato nei confronti della società è stato definitivamente annullato, conseguentemente anche l’accertamento relativo al maggior reddito di partecipazione percepito dai soci…

    Continua a leggere

  • Professionisti, come difendersi dalle pretese del fisco dopo la riforma del processo tributario
    Professionisti, come difendersi dalle pretese del fisco, tra principio di cassa, onere della prova e scomputo delle ritenute, alla luce delle modifiche al processo tributario Negli ultimi anni ho assistito sempre più meravigliato dalle assurde pretese del fisco in tema di compensi professionali, arrivando a sentire che il professionista è obbligato ad emettere la fattura per le prestazioni anche se non incassa o a pretendere le ritenute non versate. A tutte queste assurdità cerchiamo…

    Continua a leggere

  • Tutele nel Ricorso avverso cartella di pagamento per infrazioni al codice della Strada
    Sono diverse le tutele per impugnare una cartella esattoriale avente per oggetto un sanzione amministrativa, si va dall’opposizone agli atti esecutivi ex art. 617 il cui termine è di 20 giorni, al termine di 30 giorni di cui all’agli art. 7 del Dlgs 150/2011 –  art.22 della Legge 689/81, per concludere con opposizione all’esecuzione ex art. 615 cpc senza termine. Riferimenti normativi: art. 7 del Dlgs 150/2011 –  art.22 della Legge 689/81, l’art. 617…

    Continua a leggere

I commenti sono chiusi.