• Gli atti normativi europei, regolamento, direttiva, decisione
    Gli atti normativi europei, regolamento, direttiva, decisione Gli atti ai sensi dell’art. 288 del TFUE. Si distinguono in atti vincolanti (regolamenti, direttive e decisioni) e atti non vincolanti (Raccomandazioni e pareri) Gli atti vincolanti: Il Regolamento è equiparabile a una legge, è vincolante, ha efficacia erga omnes, è direttamente applicabile, può essere limitato anche ad alcuni Stati, deve essere pubblicato sulla gazzetta ufficiale  europea. Il regolamento deve esser applicato direttamente sia dai funzionari pubblici,…

    Continua a leggere

  • Contraddittorio anche per i tributi non armonizzati e prova di resistenza
    Contraddittorio preventivo obbligatorio dal 01/07/2020, prova di resistenza, motivazione in caso di mancata audizione, diritto più forte a livello europeo, divieto di non discriminazione Il diritto al contraddittorio consiste nel riconoscere ad ogni cittadino europeo il diritto inviolabile di essere sentito prima di subire qualsiasi richiesta impositiva o in particolare prima di subire un trattamento sanzionatorio Il  diritto al Contraddittorio è  stabilito dagli art. 47 e 48 della Carta dei diritti fondamentali dell’uomo, ma…

    Continua a leggere

  • Il fisco non può chiedere informazioni già in suo possesso
    Il fisco non può chiedere informazioni già in suo possesso e ha l’obbligo di informare il contribuente delle azioni a suo carico. Art.6 della L.212/2000 Questionari inviati per chiedere documenti già impossesso dell’amministrazione, la cui mancata risposta vieta che la documentazione possa essere prodotta nel  giudizio tributario per chiedere documenti già in possesso dell’amministrazione. Visto che l’art. 6 della L.212/2000 al comma 1 impone all’amministrazione l’obbligo di assicurare   l’effettiva conoscenza da parte del contribuente…

    Continua a leggere

  • Ruolo o Copia delle cartelle e referti di notifica oltre i 5 anni devono essere esibiti
    Ruolo o Copia delle cartelle e referti di notifica oltre i 5 anni devono essere esibiti dall’agente della riscossione.   L’importante  sentenza del Consiglio di stato n.3048 del 13/04/2021 sez.IV   Nella mia esperienza di difensore tributario, moltissime volte mi è stata negata l’esibizione del ruolo, della cartella e dei referti di notifica in originale, con due motivazioni sempre eccepite: C’è l’obbligo di conservazione per 5 anni, la cartella va notificata al contribuente non…

    Continua a leggere

  • Abuso del diritto anche per il Fisco e non solo per il contribuente
    La suprema Corte di Cassazione non può  viaggiare  a senso unico, qualsiasi cosa faccia il contribuente rischia di essere accusato di aver abusato del diritto per evadere il fisco, ma fino ad oggi di tutti gli abusi perpetrati dall’agenzia delle entrate, non sono mai stati oggetto d’attenzione di una  sola sentenza a favore dei contribuenti. L’abuso del diritto da parte dell’agenzia delle Entrate è continuo, si pensi alle denunce penali senza alcun presupposto per…

    Continua a leggere

  • Rinuncia all’eredità senza termine o condizione
    La rinuncia all’eredità non è sindacabile da parte dell’agenzia delle entrate e può essere effettuata anche se è stata presentata la denuncia di successione, che non costituisce accettazione dei debiti e può essere presentata anche con un contenzioso tributario in corso e senza condizione o termine e quindi anche oltre i 10 anni previsti dalla norma. Cassazione civile, sez. V, ordinanza 22 luglio 2021, n. 21006 L’Agenzia delle Entrate propone ricorso  per cassazione, con…

    Continua a leggere

  • Nessuna sanatoria per la notifica degli accertamenti esecutivi
    Nessuna sanatoria per il raggiungimento dello scopo ex art. 156 del cpc, può essere riconosciuta a una irrituale notifica di un atto impoesattivo, i quanto la notificazione ha effetto costitutivo e non di efficacia. L’accertamento esecutivo, sostituisce anche la cartella di pagamento che non sarà più notificata e quindi contiene una pluralità di atti (impositivo, precetto e titolo  esecutivo) e quindi la notifica deve rispettare tutte le norme previste per ogni singolo atto cumulato….

    Continua a leggere

  • Decorrenza cessione di quote nei redditi di partecipazione
    I redditi di partecipazione delle società di persone e differenze con le società di capitali La cessione avrà effetto dall’anno successivo (ad esempio una cessione effettuata nel 2020, avrà effetto dal 01/01/2021, per cui su Unico 2021 redditi 2020 dichiara ancora il vecchio socio), tassazione indipendentemente dalla distribuzione, I redditi di partecipazione delle società di persone non costituiscono redditi di capitale. I redditi delle società semplici, in nome collettivo e in accomandita residenti in…

    Continua a leggere

  • Il Contributo Unificato Tributario – CUT
      Il Contributo Unificato Tributario  –  CUT Sanzioni per omesso versamento fino al 200%, ma evitabili con il ravvedimento operoso Il CUT trova la propria disciplina normativa nel DPR 115/2002 (Testo Unico sulle spese di giustizia), ha natura tributaria, per cui il giudice competente è la Commissione Tributaria, Il valore della controversia, ai sensi dell’art. 12, comma 2, del citato D. Lgs. n° 546/92, è rappresentato dall’importo del tributo al netto degli interessi e…

    Continua a leggere

I commenti sono chiusi.