Accertamento anticipato prima dei 60 giorni dal pvc nullo senza motivazione effettiva

Accertamento ante tempus, emesso prima di 60 giorni nullo senza effettive ragioni d’urgenza L’accertamento emesso prima di 60 gg dal pvc, rende nullo l’accertamento, senza le effettive ragioni d’urgenza, che non basta siano evidenziate nell’accertamento, ma devono effettivamente essere fondate e sussistenti. La violazione è applicabile anche ai tributi armonizzati…

Continua a leggere

L’atto successivo dichiarato nullo travolge anche quello presupposto anche se non impugnato congiuntamente

Il giudicato implicito, copre dedotto e deducibile L’impugnazione del solo atto consequenziale implica anche l’annullamento dell’atto presupposto anche se non espressamente impugnato. Riferimenti giurisprudenziali: Cass. 35137/2021 , Cass.1144/2018 E’ consolidato principio della suprema Corte di cassazione  secondo il quale il giudicato copre il dedotto ed il deducibile, cioè non soltanto…

Continua a leggere

Il Rapporto tra atto tributario della società e quello dei soci

Rapporto tra soci e società di persone nel contenzioso tributario, giudicato esterno, litisconsorzio, tassazione per trasparenza, beneficium excussionis, la nullità dell’accertamento della società esteso ai soci coobligati. Le società di persone hanno delle regole particolari, che è meglio conoscere per chi si accinge a svolgere il contenzioso tributario. E’ indispensabile…

Continua a leggere